Pelago, il meglio degli anni Novanta. Lo dice Doctor Wine.

La penna è di Francesco Annibali, uno dei collaboratori di Doctor Wine, che racconta il successo del Pelago dai tempi dell’International Wine Challenge di Londra nel 1994, in poi. Con una breve intervista a Michele Bernetti.

"Figlio purissimo degli anni Novanta, nei quali si pensava che per affrontare al meglio i mercati esteri gli autoctoni dovessero essere nobilitati dalla comunione con i bordolesi", il Pelago nasce dalla collaborazione con l'enologo Giacomo Tachis ed è il risultato di una ricerca spinta sui vitigni internazionali e la loro integrazione nel territorio locale.


"Inizialmente volevamo fare il classico taglio bordolese, limitandoci a unire il cabernet sauvignon al merlot. Tachis decise di inserire anche il montepulciano, lo fece fino al 2001, quando la guida tecnica è passata a Giuseppe Caviola”. "Nessun contraccolpo qualitativo, ma si percepisce la mano differente, con un tannino lievemente più ruvido, più piemontese". Michele Bernetti racconta il suo Pelago...


Leggi l'articolo integrale su Doctor Wine

Torna alla lista

Prenota una degustazione e la visita in cantina

Iscriviti
alla newsletter

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info